Aperitivi della Conoscenza: 12 e 13 novembre due incontri su sostenibilità ambientale, e matematica applicata alla “politica”

11 Novembre 2019

Si parlerà del rapporto complesso fra uomo e ambiente, e di applicazioni matematiche per interpretare fenomeni sociali.

Parma 11 novembre 2019 – La natura “insostenibile” dell’uomo dall’Antico Testamento ai giorni nostri, e il ruolo della matematica per spiegare fenomeni sociali come le elezioni politiche: saranno i temi degli “Aperitivi della Conoscenza” di martedì 12 e mercoledì 13 novembre, che avranno luogo alle 17:30 all’Orto Botanico, in via Farini 90. Gli appuntamenti fanno parte del calendario di eventi “Facciamo Conoscenza”, organizzato dall’Università di Parma per celebrare la nomina della città a Capitale Italiana della Cultura 2020.

Martedì 12 Roberto Menozzi – docente del Dipartimento di Ingegneria e Architettura – partendo dall’attuale scenario energetico globale, parlerà del filo rosso che collega le riflessioni su sostenibilità e innovazione dai testi biblici fino a oggi. Spiegherà, ad esempio, cosa lega John Milton e Ernst Jünger, Bruce Chatwin e i nomadi dell’outback australiano, i laboratori Bell degli anni ’40 e Charles Fort.

L’idea di fondo è la complessità non riducibile del problema, unitamente all’insostenibilità quale vocazione e destino dell’animale-uomo.

Nell’incontro di mercoledì 13, dal titolo “Il paradosso del gelataio: la matematica delle elezioni”, Alberto Saracco – docente del Dipartimento di Scienze Matematiche, Fisiche e Informatiche – illustrerà come è possibile applicare la matematica a qualsiasi ambito, anche per “matematizzare” problemi sociali, o per spiegare dinamiche elettorali. Oltre agli argomenti teorici, verranno trattati anche diversi casi reali.

Gli “Aperitivi della Conoscenza” sono uno dei cinque filoni dell’iniziativa “Facciamo Conoscenza” che ha l’obiettivo di fare, diffondere e condividere il sapere attraverso i temi della cultura, democrazia, innovazione e sostenibilità.